Polveri di metallo

Granulazione delle polveri di metallo in acqua

La granulazione a freddo può essere usata efficacemente per vari tipi di granulazione delle polveri di metallo al fine di ottenere granuli con una distribuzione omogenea delle particelle di metallo e del legante o per facilitare le operazioni di pressatura. Ciononostante, particelle di metallo di grandi dimensioni richiedono solitamente un adattamento del mezzo liquido in termini di viscosità per evitare depositi critici durante l’elaborazione.

Un vantaggio specifico della granulazione a freddo per quanto riguarda i metalli è il fatto che, in molti casi, è possibile utilizzare l’acqua, dal momento che la liofilizzazione garantisce un’ossidazione estremamente limitata rispetto alla liofilizzazione a spruzzo ad aria dal momento che non è presente alcuna interfaccia aria/acqua liquida all’interno della quale si verifica l’ossidazione.

L’elaborazione delle polveri di metallo dure (WC/Co/Cu) in acqua con legante (PVA, PEG, PVP) tramite granulazione a freddo non presenta alcun problema. I diamanti possono essere miscelati in una sospensione, ma in presenza di particelle di dimensioni più considerevoli (>100 um) si sperimenteranno maggiori problemi di segregazione dovuti alla differenza di densità.

Utilizzando l’atomizzazione ad aria nella granulazione a freddo, la distribuzione delle dimensioni dei granuli sarà approssimativamente 10-700 um, ma questo valore potrà essere regolato impostando i parametri dello spruzzo su valori più fini o grossolani.